Contratto cooperative, “Con quali fondi pagheremo?”

Le case famiglia di Roma allo stremo tornano a chiedere al Sindaco Gualtieri di mantenere la promessa di adeguare le tariffe

Hanno ottenuto un nuovo contratto nazionale che migliora le condizioni salariali i lavoratori e le lavoratrici delle cooperative del settore socio-sanitario assistenziale, educativo e di inserimento lavorativo, ma questa bella notizia genera, purtroppo, timori e nuove difficoltà per le case famiglia di Roma e del Lazio, già a rischio chiusura per l’insostenibilità dei costi da affrontare ogni giorno per la cura di persone con disabilità, minori e donne in difficoltà. 

“L’approvazione attesa da tempo del nuovo contratto porta, finalmente, ai lavoratori un aumento salariale che riconosce l’aumento del costo della vita e la professionalità di tanti operatori sociali. Se da un lato plaudiamo a questa bella notizia, non possiamo non preoccuparci moltissimo, chiedendoci: con quali soldi pagheremo il loro lavoro, se fino ad oggi erano già totalmente insufficienti le risorse stanziate dal Comune di Roma?”, commenta Luigi Vittorio Berliri, presidente di Casa al Plurale.

L’Associazione, che rappresenta le organizzazioni che operano nel Lazio a sostegno delle persone con disabilità, dei minori in stato di abbandono e delle donne con bambino che vivono situazioni di grave fragilità sociale, ha infatti ricalcolato che tale rinnovo contrattuale determina un aumento dei costi pari a +13,41% .

Casa al Plurale i “conti” li ha resi pubblici da tempo e ogni mese provvede ad adeguarli al costo della vita e alle norme di legge: sul sito dell’Associazione, https://www.casaalplurale.org/ , questi dati si possono consultare e scaricare nell’ultimo report oggi aggiornato ai costi previsti dal nuovo contratto, ‘Quanto costa una casa famiglia?’.

Senza l’adeguamento delle tariffe, prima o poi queste case famiglia per persone con disabilità, minori e donne in difficoltà saranno costrette a chiudere e alcune hanno già deliberato di farlo: “Caro Sindaco di Roma, più di due anni fa ci facesti una promessa, noi contiamo su una risposta concreta e a brevissimo!”, è l’ennesimo appello del presidente Berliri.

L’Ufficio Stampa Carmela Cioffi 3381090669

Dopo di Noi

Aiutiamo le persone con disabilità a costruire il loro futuro

Contenuti Correlati
Comunicati

Bilancio Roma Capitale, “sarà la volta buona?”

LE CASE FAMIGLIA STANNO CHIUDENDO UNA DOPO L’ALTRA. Torniamo a chiedere un incontro urgente con il Sindaco Gualtieri  “Qui è in gioco la vita della …

Scopri di Più →
Comunicati

“Le rette sono un problema politico”. Lettera a Gualtieri

All’ On Sindaco Roberto Gualtieri Comune di Roma Lettera APERTA Caro Sindaco, Le mandiamo una lettera, aperta e pubblica, per trasformare un problema serio e …

Scopri di Più →
Comunicati

Delibera rette, “boccata d’ossigeno ma non basta”

“È senza dubbio una boccata d’ossigeno, ma per continuare a respirare anche nei prossimi anni, ovvero per continuare a garantire una vita degna di essere …

Scopri di Più →
Comunicati

Se non ora, quando?

Hanno regalato al Sindaco Gualtieri un pupazzo a forma di oca, perché proprio come le oche del Campidoglio, che salvarono con il loro starnazzare Roma dall’assedio dei …

Scopri di Più →
Notizie al Plurale

Approvata mozione a sostegno delle case famiglia

È una buona notizia. Il 19 maggio scorso il consiglio comunale di Roma ha approvato una mozione che va verso “l’adeguamento delle rette per le …

Scopri di Più →
Notizie al Plurale

“Uno spazio comune”: al via gli incontri per i responsabili delle case famiglia

Offrire e costruire insieme uno spazio in cui è possibile confrontarsi e aprirsi all’ascolto del racconto dell’altro. Perché è questo che ci fa crescere e, farlo insieme, è …

Scopri di Più →