Laura Baldassarre, Casa al Plurale: “E’ il momento di costruire una vera capitale dell’accoglienza”

baldassarreA Laura Baldassarre vanno i nostri auguri di buon lavoro e l’auspicio di poter presto incontrarci, magari proprio in casa famiglia, per ragionare insieme del benessere e del futuro delle persone con disabilità, minori e donne in difficoltà”, ha dichiarato, in merito alla nomina di Laura Baldassarre ad Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Roma Capitale, Luigi Vittorio Berliri, presidente di Casa al Plurale, il Coordinamento a cui aderiscono 29 organizzazioni che gestiscono strutture e progetti di solidarietà, innovazione e integrazione sociale nel Lazio e sono 52 le case famiglia che rappresenta.
Infatti non è più possibile indugiare, vanno attuate politiche in favore delle persone più fragili della città e, a tal proposito, il Coordinamento intende portare subito all’attenzione della nuova Assessora la difficilissima situazione che stanno attraversando le case famiglia a Roma e nel Lazio in questi anni.

Roma è da ricostruire ed è una impresa che si fa assieme a quella parte di città onesta, attenta e che intende per “fare comunità” quella capacità di dare risposte a tutti, a partire dai cittadini più fragili”, ha concluso il presidente di Casa al Plurale, Luigi Vittorio Berliri. Ma è possibile dare risposte concrete solo se si entra nel merito dei problemi: il Comune di Roma attualmente stanzia per le case famiglia la metà di quel che servirebbe, come si può rilevare dallo “Studio sui costi standard delle comunità di accoglienza” realizzato da Casa al Plurale con il patrocinio del Comune. Per le persone con disabilità il Comune di Roma stanza 15 milioni di euro, mentre quello di Torino 60 milioni. Al momento a Roma ci sono 400 persone in lista di attesa. A Torino nessuno.

Inoltre, se dovessimo usare solo i soldi stanziati dal Comune, un operatore sociale guadagnerebbe 3,86 euro netti per ogni ora lavorata. Per non parlare delle rette per i minori: in questo caso, il compenso sarebbe pari a 1,54€. A queste condizioni, solo i potenti e i mafiosi possono essere “competitivi”! Ripartiamo, invece, dai cittadini solidali e onesti che si mettono a servizio di quelli più fragili.

Ufficio Stampa Casa al Plurale

Carmela Cioffi 3381090669

 

Tags: , ,

 

© 2019 Casa al Plurale